Sole e Protezione Solare, Come Scegliere l’Abbronzante Giusto

Inserito in In evidenza, Mondo Donna, Viaggi e vacanze | Scritto martedì, 09 giugno 2015 | Autore Alessandra Albanese | Commenta per primo

Guida pratica al fototipo e consigli utili per una corretta esposizione ai raggi del sole.

Mancano pochi giorni all’entrata ufficiale dell’estate, ma ormai le temperature ci dicono insistentemente che possiamo definitivamente abbandonare la primavera e prepararci per la stagione del mare.

Ovviamente per il 99% delle donne questo è il momento della tanto attesa e temuta prova costume, e della scelta del solare per la tintarella.

Sole e protezione Solare

 

sole e protezione solare scelta dell'abbronzante

E se la prima fa magari paura a qualcuna, l’abbronzatura è tra le cose che non spaventa, ma che forse al contrario dovrebbe.

Non nel senso letterale della parola, i raggi del sole sono quanto di più bello ci sia in natura, ma l’esposizione della pelle al sole necessita di cure e accortezze, soprattutto quando si esce dall’inverno e si è ancora di quel candore in stile “tintarella di luna”.

Sole Protezione Solare, alcuni consigli

 

Per prepararsi correttamente alla tintarella, lo dicono i Tg e lo abbiamo detto anche noi, ma è bene ricordarlo ancora una volta, prima di lasciarsi friggere come una lucertola il primo sabato di giugno, bisogna mettere in pratica alcuni piccoli, semplici consigli.

Preparare la pelle all’esposizione non significa mangiare una carota la sera prima del mare, quanto abituarsi sempre, ma non solo in funzione della tintarella, ad una alimentazione ricca di vitamine contenute in frutta e verdura.

Senz’altro le carote stimolano la produzione di melanina, ma anche il radicchio, le albicocche, il sedano e tante altre verdure ricche di betacarotene e Vitamina A.

Sempre prima dell’esposizione è bene non stressare la pelle con interventi come depilazione e trattamenti aggressivi.

Questi dovrebbero essere fatti con qualche giorno d’anticipo e, si, uno scrub per eliminare le cellule morte della pelle è senz’altro indicato per esporsi al sole, ma delicato e seguito da una cream idratante che ripristini lo strato epiteliale.

Sole e protezione solare, come scegliere l’abbronzante giusto

 

Sempre prima di esporsi è bene scegliere con criterio il proprio abbronzante.

In fatto di prodotti di cosmesi da tempo ormai si sente parlare di Inci (International Nomenclature of Cosmetic Ingredients), la  denominazione internazionale utilizzata per indicare in etichetta i diversi ingredienti, e anche i solari dovrebbero essere scelti in base a questo: i cosmetici sono prodotti chimici e questi purtroppo spesso arrecano danno non solo alla salute, ma anche a flora e fauna del nostro pianeta.

Un buon solare dovrebbe avere un basso contenuto di coloranti, di profumi sintetici, essere anallergico, e possibilmente bio.

Inoltre dovrebbe rispettare il nostro fototipo

Sole e Protezione solare. Il Fototipo

 

sole e protezione solare il fototipo

Il fattore di protezione solare dei prodotti è indicato con la sigla SPF (Sun Protection Factor), e stabilisce il rapporto tra la protezione e il tempo di esposizione al sole (indicativamente moltiplica il tempo di esposizione al sole, e ovviamente è maggiore quando l’SPF e più alto).

In genere durante le prime esposizioni l’SPF dovrebbe essere massimo o molto alto (50 ad es.), per poi diminuire dopo l’abbronzatura (ma mai andare al mare senza: ricordate, il sole fa bene alla pelle e alla salute ma comporta rischi di dermatiti, irritazioni fino ai tumori).

Il fototipo è determinato in base alla carnagione e al colore dei capelli, e in base a questo il solare da utilizzare potrà essere più o meno protettivo:

  • Fototipo 1: bionde o rosse con pelle molto chiara (SPF indicato 50+ – protezione molto alta);
  • Fototipo 2: bionde o castane con pelle chiara (SPF indicato 50-30 protezione alta);
  • Fototipo 3: biondo scure o persone con pelle sensibile (SPF indicato 25-15protezione media);
  • Fototipo 4: castane con pelle moderatamente sensibile (SPF indicato 25-15protezione media);
  • Fototipo 5: capelli scuri e carnagione olivastra (SPF indicato 15-10 protezione medio/bassa);
  • Fototipo 6: capelli scurissimi e pelle non sensibile (SPF indicato 5/6 protezione bassa);

(Wikipedia).

Va ricordato inoltre che i solari devono proteggere sia dai raggi UVA che da quelli UVB.

Fino a non molto tempo fa infatti era opinione comune che i raggi dannosi fossero solo gli UVB, poiché il danno di questi era immediato ed evidente sull’epidermide (scottature e eritemi).

Oggi però si sa che i danni possono protrarsi nel tempo, e i raggi UVA sono altrettanto pericolosi per lo strato sottocutaneo del derma.

Sole e Protezione Solare. Consigli per l’esposizione

 

sole e protezione solare consigli per l'abbronzatura

Oltre a utilizzare un abbronzante, durante le giornate al mare bisogna utilizzare qualche accortezza.

Sono cose che tutti sanno, che si ripetono ogni estate da sempre, ma è bene non dimenticarsene, e soprattutto sarebbe utile per la salute metterli in pratica:

–       Non esporsi al sole nelle ore centrali del giorno (dalle 12 alle 15 e per i più piccoli dalle 11 alle 16)

–       Ricordarsi che maggiore è il SPF più ci si può esporre durante la giornata

–       In acqua il sole abbronza lo stesso, anzi di più, per effetto della rifrazione dei raggi sull’acqua, non dimenticate di spalmare la protezione più e più volte durante la giornata (in montagna vale lo stesso discorso a causa della neve)

–       Non utilizzare solari scaduti (in genere da 6 a 12 mesi dalla data dell’apertura)

–       Soprattutto durante le prime esposizioni utilizzate occhiali da sole per proteggere gli occhi e cappello.

Infine un ultimo consiglio, da mettere in pratica dopo essere tornati a casa: dopo l’esposizione fate una doccia d’acqua dolce e passate sulla pelle una crema doposole per “sfiammare” a andare a letto sani e felici della giornata passata al mare!


comment closed