Quest’Uomo Aveva il Volto Distrutto, 17 Anni Dopo la Sua Faccia È Così

Inserito in Salute e Psicologia | Scritto mercoledì, 06 agosto 2014 | Autore Alessandra Albanese | 2 Commenti

La storia di un uomo nato due volte.

 

Quest'Uomo Aveva il Volto Distrutto richard lee norris

Richard aveva solo 23 anni quando la sua vita cambiò radicalmente.

Era il 1997, e in Virginia, dove abitava, Richard Lee Norris ebbe un incidente di quelli strani anche a pensarli: un colpo d’arma da fuoco partito accidentalmente gli sfigurò completamente il volto.

Il suo viso era come imploso, non aveva più mento, denti, naso, niente che potesse ricondurre al volto di un ragazzo di 23 anni.

 

Richard si rifugiò nella sua casa, usciva di notte per non farsi vedere, perché quando incrociava lo sguardo di qualcuno capiva come la sua vita era finita, o almeno la sua vita normale.

Poi nel 2005 Richard vede uno spiraglio: il primo trapianto facciale eseguito su una donna il cui volto era stato sfigurato da un cane.

Richard ci crede, vuole anche lui tornare a vivere con un nuovo volto.

Ce la fa, circa due anni fa entra in sala operatoria per un trapianto completo al volto.

 

Un team della Scuola di medicina dell’Università del Maryland lo sottopone ad un intervento di 36 ore consecutive per un trapianto facciale.

100 sanitari impegnati tra medici anestesisti infermieri e scienziati.

Quasi un esperimento, non solo un’operazione chirurgica.

Nuovi farmaci, nuove tecnologie, simulazioni al computer, innesti, insomma davvero un intervento di quelli da manuale di medicina.

Il donatore, anonimo, avrebbe dovuto essere in tutto e per tutto compatibile con Richard: pelle, gruppo sanguigno struttura ossea.

Da quel volto sono stati prelevati i tessuti, il cuoio capelluto, il collo, i nervi, i muscoli, le ossa (mascella, mandibola ecc).

Nuova lingua, nuovi denti, nuovo naso, anche la barba potrà farsi Richard adesso.

Un intervento davvero incredibile, finanziato  dall’Ufficio di ricerca navale del Dipartimento della difesa americano, per poterlo poi ripetere sui veterani che hanno avuto il volto sfigurato da esplosioni in guerra.

Oggi Richard ha un nuovo volto, e una nuova vita. E’ nato due volte, l’ultima due anni fa.

La gente non sbatte più nei lampioni per guardarlo, anzi forse si ma per un motivo diverso.

La rivista maschile GQ lo ha infatti scelto per la sua ultima copertina.

Adesso Richard non viene riconosciuto per il suo volto deforme, ma perché è il modello della copertina di GQ.

Diciamo un bel salto in avanti.

 

Fonte: AdnKronos


comment closed