Cosa Sono Questi? Guarda l’Immagine e Dimmi di Cosa si Tratta

Inserito in Costume, Curiosità | Scritto lunedì, 28 aprile 2014 | Autore Gioela Saga | 2 Commenti

5 cose che ti lasceranno a bocca aperta

progetti del futuro

Il problema del traffico è sotto gli occhi di tutti, così come le problematiche energetiche relative ai trasporti. Ecco perché, tra scienza e fantascienza, sono sempre più numerosi i progetti che vengono presentati per dar vita a modi  alternativi di viaggiare e spostarsi.

Alcuni sono futuristici, altri incredibilmente ingegnosi. Ve ne presentiamo 5 che meritano davvero attenzione e sembrano davvero efficaci. Visti i progressi e la velocità con cui si diffonde la nuova tecnologia, possibilmente, in un avvenire più prossimo di quanto ci aspettiamo, ne potremmo usufruire anche noi.

1 – Le macchine radioattive: anche se c’è molto timore diffuso per l’energia nucleare, questa potrebbe giocare un ruolo importante nei trasporti del futuro. Una società americana, la Power Systems Laser (LPS) analizza da diversi anni le potenzialità del torio, un elemento radioattivo ampiamente responsabile della generazione di calore nel centro della Terra.

LPS ha un obiettivo “semplice”: costruire un motore alimentato da un unico piccolo pezzo di quel materiale radioattivo. Si sfrutterebbe il calore emesso dal torio per trasformare l’acqua in vapore che, attraverso una varietà di microturbine rotanti produrrebbe elettricità. Otto grammi di torio potrebbero alimentare una macchina per più di 100 anni. Niente più benzina e trasporti assicurati!

2 – La bicicletta rimane tutt’ora un’alternativa piacevole per molti ma, ovviamente, presuppone due aspetti negativi essenziali: la fatica e dunque l’impossibilità di utilizzo da parte di tutti e in tutti i percorsi e, naturalmente, gli inconvenienti dovuti a fattori meteorologici e ambientali. E se questi deterrenti fossero eliminati?

Nel 2006, il Comune di Toronto ha svelato i piani per un sistema di trasporto ultrasilenzioso, ad alta velocità e privo di inquinamento: una pista ciclabile aerea progettata dall’architetto Chris Hardwicke. L’idea è di costruire un tubo con tre elevate e separate piste ciclabili per ogni direzione, permettendo la circolazione dell’aria che creerebbe un vento di coda. L’efficienza dei ciclisti potrebbe essere migliorata fino al 90%, e si potrebbe raggiungere velocità di 50 chilometri all’ora.

Il progetto si chiama Velo-City e sarebbe anche l’ideale per i climi freddi, i ciclisti sarebbero protetti anche dagli agenti atmosferici come pioggia e vento. Al momento il progetto è stato accantonato per mancanza di fondi  ma non è stato dimenticato!

3Una macchina scarabeo o scarab (visibile nella foto di copertina): una macchina elegante, snella che ricorda vagamente una moto, ma è anche chiusa, con abbondanza di spazio per i bagagli, alimentata da batterie, biocarburanti o da una cella a combustibile. Con quattro ruote, si può guidare manualmente, ma è anche dotata di un pilota automatico e può appoggiarsi su due ruote per parcheggiarsi più comodamente. Il designer è David Miguel Moreira Gonçalves.

4 – A Tel Aviv, Israele, il problema del traffico è enorme ed è forse per questo che è stato presentato un progetto di trasporto pubblico magnetico chiamato SkyTran. Sarà gestito attraverso binari metallici posti a sei metri d’altezza con dei binari a terra che fungeranno solo da linee guida, infatti le cabine saranno fluttuanti, dunque prive di attrito, grazie alla levitazione magnetica (maglev).

Secondo Jerry Sanders, progettista di SkyTran, il biglietto per una corsa costerà poco più di un autobus ma meno di un taxi. Inoltre, funzionerà con pannelli solari e sarà in grado di raggiungere velocità fino a 241 chilometri all’ora.

5 – Lo Skylon viene propagandato come il successore del Concorde, l’aereo che ha viaggiato più veloce del suono ma ormai in pensione da quasi 10 anni. Nel 2013, il Regno Unito ha annunciato l’intenzione di spendere 90 milioni di dollari per lo sviluppo dello Skylon, un aereo superrapido che può viaggiare a cinque volte la velocità del suono e fuori dell’orbita terrestre per andare nello spazio.

Potrebbe portare 300 passeggeri da Londra a Sydney in quattro ore. Oppure potrebbe essere utilizzato per trasportare un carico di fino a 15.000 kg per lo spazio verso la Stazione Spaziale Internazionale, per esempio. La sua progettazione è appena iniziata, la tecnologia non è affatto semplice e il costo finale potrebbe raggiungere oltre un miliardo di dollari. Tuttavia, molti scienziati sono ottimisti circa il progetto. Un prototipo potrebbe essere pronto entro il 2017.

Fonte: Hypescience


comment closed