10 Cose che Non Sapete su un Libro Sacro Spesso Discusso

Inserito in Costume, Curiosità, Mondo Donna | Scritto lunedì, 30 settembre 2013 | Autore Gioela Saga | 2 Commenti

Alcune delle cose narrate sono accadute veramente, altre restano leggende ... scopritelo qui:

Sono davvero molte le stranezze e le leggende, più o meno appurate, che riguardano il libro sacro dell’Islam, ovvero il Corano.

Tra le tante, anche quella secondo la quale Saddam Hussein avrebbe commissionato una copia del Corano scritta con il suo stesso sangue. Vi sono molte altre storie, magari meno raccapriccianti ma altrettanto affascinanti che riguardano questo libro, che vogliamo comunque trattare con il dovuto rispetto, ne abbiamo raccolte dieci tra le più interessanti:

1 – Nel 2008, l’indiano Sayeed Najmul Hasan Chishti ha ottenuto il record per aver creato la copia più grande di Corano scritta a mano ma, già nel 2009, una ragazzina, lavorando 12 ore al giorno, ha composto un Corano lungo 3.000 metri.

Subito dopo, nel 2011, una copia russa del Corano ha battuto il record precedente: pesa quasi 800 chili, è tempestato di pietre preziose e lavorato con lamine d’oro e d’argento. Eppure, solo un paio di mesi più tardi, in Afghanistan, un’altra copia del famoso libro ha spodestato il record russo.

Sembra che ci sia una specie di continuo tentativo di creare la copia più grande in assoluto. Si pensi che su una parete di un edificio, nell’isola di Sumatra, è stato inciso su uno spazio lungo 18 metri!

2E’ estremamente importante mantenere l’esatta trasposizione delle parole nelle varie lingue e errori di stampa o di traduzione sono puniti molto duramente, in passato si è rischiato di creare delle vere e proprie crisi politiche a riguardo.

Nel 1999, in Kuwait, sono state stampate 120.000 copie del Corano contenenti degli errori di copiatura, l’edizione era stata anche distribuita a livello internazionale, l’errore è stato ritenuto così grave che il ministro delle giustizia e degli affari religiosi è stato accusato di aver tentato di travisare e diffondere erroneamente il messaggio della fede musulmana, l’intero gruppo parlamentare del paese si è dovuto dimettere.

3 – 17 milioni di persone nel mondo seguono, ogni anno, il concorso nazionale di Dubai dove viene premiato il migliore bambino che riesce a memorizzare il Corano e che può vincere 70 mila dollari ed è previsto anche un premio per la migliore voce.

I bambini sono orgogliosi di partecipare al concorso, tutti quelli che vi partecipano e quelli che riescono ad imparare a memoria il Corano sono molto rispettati dai loro coetanei musulmani, anche se, come capita spesso in questi concorsi, sono ancor più i genitori che i bambini a sentirsi coinvolti nella sfida e ad allenare i propri figli a superare ogni limite.

4 – Non è mai una buona idea mettere al bando i libri, anche quando alcuni li accusano di diffondere errate ideologie. Spesso nella storia sono stati messi all’indice libri sacri come il Corano. In Russia, tra il 1926 e il 1957, il Corano era stato vietato e negli ultimi decenni vi era stato un tentativo simile anche in Olanda, così come in Spagna, attraverso una campagna portata avanti da un ex-musulmano.

5 – Nel 2009 è stato riportato che sulla pelle di un bambino di soli nove mesi,  Ali Yakubov, apparivano spontaneamente alcuni versi del Corano. Migliaia di pellegrini si sono recati in pellegrinaggio per fargli visita. Alcuni hanno però accusato il padre di aver inciso la pelle del figlio per creare questo prodigio, abusando del piccolo, per inneggiare e incoraggiare il fiorente estremismo religioso presente nella regione della repubblica russa del Daghestan, sovente infiammata da insurrezioni di stampo religioso.

6 – Nel novembre 2006, negli Stati Uniti, il democratico Keith Ellison è stato il primo musulmano ad entrare nel Congresso, una cerimonia che normalmente comprende il giuramento sulla Sacra Bibbia. Si è dunque presentato un problema di procedura vista l’appartenenza ad una religione diversa. Ellison ha naturalmente scelto di giurare sul Corano, scatenando però non poche polemiche da parte dei tradizionalisti. La stessa cosa è successa a Ed Husic in Australia quando è stato eletto membro del Parlamento.

7I musulmani devono rispettare il Corano più di ogni altro libro e in generale più di ogni altra cosa. Normalmente il Corano viene posizionato sullo scaffale più in alto per rappresentare la sua superiorità rispetto a tutti gli altri libri.

Ci sono anche altre regole da rispettare per esempio: non si può mai lasciarlo aperto, non ci si può bagnare le dita per girare le pagine, non si può leggere il Corano sul computer. Molte regole derivano dall’ideale islamico legato alla purezza. Anche prima di pregare bisogna purificarsi attraverso dei riti particolari, delle abluzioni in preparazione alla preghiera. Le donne mestruate non possono toccare il Corano perché sono in un periodo impuro.

8 – Vi sono copie molto costose di questo libro sacro ai musulmani. La più costosa è stata venduta per più di 2 milioni di dollari nel 2007, è datata 1203 ed è la copia più antica e completa conosciuta.

9Non si può bruciare il Corano ne’ per motivi religiosi, ovviamente, ma neppure per motivi legati allo smaltimento. Nel 2012 alcuni soldati americani in Afghanistan hanno bruciato per errore alcune copie del libro e questo episodio ha sollevato rivolte e diversi morti.

10Qualsiasi danneggiamento fatto al Corano è punito molto duramente. In Pakistan, il 97% della popolazione è musulmana e vi sono le leggi più rigide a riguardo.

Uno dei più tristi episodi riguarda Rimsha Masih, una quattordicenne disabile di religione cristiana. Nell’agosto 2012 la giovane è stata accusata di aver danneggiato il Corano dopo che è stata trovata in possesso di una copia che presentava alcune pagine bruciacchiate. E’ stata arrestata e 600 famiglie cristiane che la proteggevano sono state costrette a fuggire dal villaggio. E’ stato poi scoperto che era stato un religioso musulmano locale a creare le false prove.

Fonte: http://listverse.com


comment closed