Scadenza cosmetici aperti

Inserito in Bellezza | Scritto domenica, 11 dicembre 2011 | Autore Simona Garbagnati | 2 Commenti

Cosmetici: come si conservano e quando è necessario buttarli

cosmetici scadenza

A quasi tutte è capitato di avere nell’armadietto, creme, solari, trucchi aperti da un po’ di tempo, perchè magari non li utilizziamo tutti i giorni ma una tantum, o magari solo nel periodo estivo come accade per creme protettive solari e doposole.

Siamo restie a sbarazzarci di questi prodotti perchè molti non riportano la dicitura di una scadenza, dunque la nostra perplessità non ci aiuta a decidere.

Vero è che le aziende produttrici non sono tenute a segnalare la data di scadenza sulla confezione del prodotto; ma quando il prodotto mantiene validità per più di 30 mesi, sono obbligate a riportare il PAO, period after opening, con cui vengono indicati il numero di mesi in cui il prodotto si conserva una volta aperto. Il Pao solitamente è individuabile grazie ad un disegno stilizzato di un barattolo con tappo aperto, è questo che và cercato sulla confezione per avere un’idea della scadenza.

Tecnicamente parlando col Pao si intende il periodo di resistenza microbiologica del prodotto in giuste condizioni di conservazione.

Quest’ultimo passaggio viene a volte trascurato. La necessità di sbrigarci la mattina e velocizzare i tempi perchè dobbiamo: prendere l’autobus per andare al lavoro, portare i bimbi a scuola, essere in ufficio per tempo ecc…ci spinge a compiere azioni distrattamente e così non chiudiamo a modo i flaconi, tocchiamo le creme con mani sporche, lasciamo i prodotti esposti a temperature scorrette ecc….

La resistenza alla contaminazione del prodotto ha una soglia, oltre la quale il prodotto si deteriora. Per aiutare a ricordarci la scadenza del prodotto, come da Pao, è utile segnare con un pennarello indelebile o carta adesiva, direttamente sulla confezione il mese e anno di apertura, perchè anche per coloro che hanno una memoria infallibile, ricordarsi le aperture di ciascun prodotto, è un’ardua impresa.

In generale si conserva meglio il prodotto proposto in flaconi e tubetti piuttosto che in vasetti, poiché il rischio contaminazione è minore; un conto è immergere le dita nel vasetto, altro, far fuoriuscire il prodotto e raccoglierlo sulle dita.

Quando ci scordiamo di scrivere la data di apertura, o abbiamo qualche dubbio circa la giusta conservazione del prodotto, è buona norma “annusare” creme e olii prima di utilizzarli come osservarne il colore, se quest’ultimo tende al giallino, o la consistenza del prodotto si è modificata (creme che si induriscono o si “ritirano”) è opportuno buttarlo. Anche se il periodo Pao non è scaduto con una presentazione alterata, potremmo incorrere in irritazioni della pelle, incolpando la non validità del prodotto, quando la causa sarebbe da imputare ad una cattiva conservazione.

A riguardo è utile soffermarci sulle creme solari. Queste sono ricche di principi attivi e filtri che usati in combinazione formano lo scudo protettivo che, a seconda del fattore di protezione, garantisce alla nostra pelle un livello di barriera contro l’azione solare.

I solari d’estate vengono “maltrattati”: dimenticati in macchina sotto temperature proibitive, lasciati sul lettino in spiaggia al sole ecc…è inevitabile che la temperatura influisca sulla conservazione del prodotto. Ricordiamo che solitamente i solari hanno una conservazione della durata di 12 mesi una volta aperti, dopo di chè il prodotto si altera e diminuisce di efficacia. Spesso usiamo un prodotto maltenuto convinti che abbia certi standard che in realtà non ci sono a causa dell’alterazione del prodotto, quindi ci scottiamo o ci irritiamo.

Stiamo dunque attente a conservare correttamente il prodotto e compriamone uno all’anno!

Ultima considerazione, la data dei cosmetici riportata è quella della Pao, quasi mai viene indicata la data di produzione del prodotto. Per acquistare cosmetici recenti e che non giaciono sulle mensole dei negozi da mesi se non anni, è preferibile comprare in negozi di fiducia, o nei punti vendita dove esiste un forte cambio di merce!


comment closed