L’Uomo con lo Scroto di 60 Chili Diventa una Star della TV

Inserito in Costume, Curiosità | Scritto giovedì, 22 agosto 2013 | Autore Federica Federico | 2 Commenti

Una malattia rara commuove l'America, lui diventa una Star per cercare solidarietà e aiuto

L'uomo con lo scroto di 60 chili Il  linfedema è un’alterazione del sistema linfatico, una patologia che determina un anomalo accumulo di linfa in un area circoscritta del corpo, è una malattia rara, pericolosa e in certi casi anche altamente invalidante.

L’impressionante foto qui accanto ritrae un uomo affetto da un grave linfedema scrotale: lo scroto dell’americano Wesley Warren, 49 anni, ha raggiunto il peso di 60 chili. Per correggere l’alterazione a livello linfatico è stato necessario un intervento chirurgico delicatissimo. Fortunatamente l’operazione ha messo fine a quattro anni di sofferenza.

Wesley Warren ha deciso di raccontare la sua storia al mondo e tra pochi giorni  la TV americana manderà in onda uno speciale completamente dedicato a quest’uomo ed alla sua scioccane malattia.L'uomo con lo scroto di 60 chili

È per questo che un’anteprima del suo racconto di vita vissuta è stata pubblicata e sul sito della CNN. L’articolo, intitolato “L’uomo con lo scroto di 60 chili: svelato il mistero medico”, ha subito incuriosito il popolo del web.
Parlando di sé Wesley dice: “Ci sono un sacco di persone che ridono di me, altre guardandomi sembrano un po’ scioccate e dal loro volto traspare un certo terrore. È difficile da affrontare, si sa, perché sono un po’ uno spettacolo dell’orrore vivente.”
Joel Gelman chirurgo ricostruttore, direttore del dipartimento di ricostruzione Urologia presso l’ Università della California, specializzato in chirurgia ricostruttiva dell’uretra e del pene, non appena venne a conoscenza del caso si offrì di operare Wesley gratuitamente. Oggi, grazie all’intervento di questo esime medico, Wesley può sperare in una vita normale, ecco com’è mutato il suo aspetto dopo il primo e più delicato intervento chirurgico:

L'uomo con lo scroto di 60 chili

 

In vero, dopo la scoperta della malattia, la cui diagnosi risale al 2008, Wesley ha sempre cercato aiuto anche attraverso i media, non lo ha fatto per un deviato spirito di protagonismo e forse nemmeno per sensibilizzare gli uomini alla prevenzione, lo ha fatto, più semplicemente per sostenere gli esosi costi delle cure e dell’intervento. Di fatto è venuto però in contatto col professor  Gelman.

Secondo Joel Gelman, malgrado l’invadenza dei media nella vita privata di un uomo malato e sofferente,  la “pubblicità” che il linfedema scrotale ha ottenuto, grazie alla storia di Wesley, è importante e positiva perché questa malattia è una condizione molto reale che gli uomini tendenzialmente negano trascurando ogni forma di prevenzione a discapito della rapidità delle cure.

Gelman spera che l’attenzione dei media sul caso di Wesley incoraggerà altri uomini con lo stesso problema ad affrontare le cure curare.

Gli uomini devono controllare i loro testicoli! Questa deve essere la nota conclusiva e più importante da trarre dalla storia di Wesley.

Sul sito della CNN lo stesso professor Gelman, attraverso un’intervista chiara e precisa, approfondisce i sintomi e le cause della malattia.

Il linfedema scrotale è una malattia rara ma progressiva, aggressiva e pericolosa. È noto anche come elefantiasi scrotale, è determinato da un deficit del sistema linfatico che materialmente si traduce in  un massiccio allargamento dello scroto, in un notevole ispessimento dei tessuti e in un evidente accumulo di fluidi.
La più banale causa di linfedema scrotale è la cosiddetta filariosi linfatica, un’infezione parassita (cioè un’infezione determinata da un parassita) innescata nell’organismo dal morso di alcune zanzare. Attraverso la ferita, determinata dalla puntura durante il pasto ematico della Joel Gelman opera lo scroto più grande del mondozanzara, l’insetto infetto introduce nell’organismo del soggetto di cui si sta cibando delle larve. Le larve, una volta divenute adulte, migrano nell’organismo, raggiungono i vasi linfatici e li aggrediscono determinando le alterazioni linfatiche all’origine della malattia. Le zanzare di questo tipo, cioè capaci di trasmettere l’infezione della filariosi linfatica, abitano soprattutto le zone dell’Africa e del Sud America.

Il linfedema scrotale, quando non è generato da  filariosi linfatica, può più semplicemente dipendere da ostruzioni dei vasi linfatici, ovvero blocchi determinati da un mal funzionamento del sistema linfatico. Quando l’ostruzione è tale da impedire il circolo linfatico i liquidi tendono a bloccarsi in una determinata zona del corpo e lì letteralmente si bloccano.

Il blocco dei dotti linfatici può essere determinato anche da ferite o traumi e ferite o traumi possono interessare persino lo scroto.

Un blocco linfatico a livello scrotale ha effetti evidenti ed inequivocabili: le dimensioni dello scroto aumentano visibilmente e possono eguagliare quelle di un pallone da basket. In alcuni casi, come è accaduto per Wesley, lo scroto non smette di crescere e continuerà a crescere fino a quando il paziente non deciderà di  farsi curare debitamente.
La più diffusa, naturale e comune paura degli uomini che soffrono di linfedema scrotale è relativa alle funzionalità del loro membro.

È bene chiarire che l’organo riproduttivo maschile non viene necessariamente compromesso da questa malattia, tra la pelle inspessita e gonfia il membro è come un tunnel in cui le funzioni vitali normali riescono a rimanere isolate. Ma l’importanza anche psicologica di quest’organo rende le cure ancora più significative e necessarie.

L'uomo con lo scroto di 60 chili

Wesley Warren avrà bisogno di più interventi chirurgici per ritornare alla normalità, in un caso estremo come il suo la sola rimozione del tessuto gonfio e inspessito non basta, occorrerà  anche eliminare l’eccesso di pelle danneggiata.

Nel caso particolare di Wesley, il dottor Gelman eseguirà un vero e prprio trapianto di pelle.
Gli uomini devono osservare e monitorare la propria intimità e se uno scroto si ingrossa bisogna sempre e prontamente consultare il medico.

UL'uomo con lo scroto di 60 chili: no scroto troppo grande può avere diverse cause: un’ernia, quando una piccola parte dell’intestino entra nello scroto; un accumulo di liquido su un lato del corpo, precisamente tra il testicolo e la pelle, cosiddetto idrocele.

Tutte le più comuni patologie sono curabili e un intervento tempestivo aiuta la pronta e certa guarigione.

Va detto, per completezza di informazione, che i 60 kg di scroto di Wesley sono un’eccezione inspiegabile da un punto di vista medico. L’uomo, adesso curato dal professor Gelman, resta un mistero per la moderna medicina.


comment closed