Stress da Rientro dalle Vacanze: 10 Regole Contro l’Ansia

Inserito in In evidenza, Viaggi e vacanze | Scritto lunedì, 19 agosto 2013 | Autore Federica Federico | 2 Commenti

Stress da rientro dalle vacanze, ecco come evitare l'ansia - 10 regole antistress.

Lo stress da rientro coll finire delle vacanze.Lo stress da rientro è una vera e propria sindrome da ansia ed è determinata dalla tensione psicofisica che si innesca col finire delle vacanze.

La parola “Vacanza” corrisponde sempre ad un desiderio o ad un’aspirazione, talvolta resta un sogno nel cassetto, talaltra è un progetto realizzato e in certi momenti della vita è pure un’avventura finita o che sta per finire.

In latino “Vacare” (il verbo da cui la parola vacanza trae origine) significava essere vuoto o essere libero.

Ed in realtà ogni vacanza altro non è che un periodo sgombro o libero da impegni, incombenze, obblighi e doveri.

In vacanza nessuno ha soggezioni di sorta, si spegne la sveglia, il cellulare e il personal computer, skype resta muto e Facebook e Twitter servono solo a postare moderne cartoline virtualmente indirizzate a tutti gli amici.

Chiaro è (e non potrebbe essere altrimenti) che la vacanza rappresenta un’eccezione alla vita quotidiana, un’occasione per rigenerarsi e svagarsi.

Non si può vivere in vacanza per una vita intera! E quindi dalla vacanza, anche dalla migliore mai vissuta, prima o poi si deve pur ritornare.

Il ritorno dalla vacanza è sinonimo di ripresa: chi rientra dalle ferie deve “riavviare” la sua vita quotidiana; ritrovare i ritmi di sempre; riattaccare la sveglie e riaccendere il personal computer; riprendere a lavorare e riallacciare i soliti rapporti professionali (anche quelli meno pacifici).

Il primo giorno di lavoro normalmente è il più difficile da affrontare, il corpo e la mente rimpiangono il riposo ed il relax il cui ricordo è troppo vivo e presente per essere accantonato su due piedi!

Perché accettare la fine delle vacanze è quasi “doloroso” (o più realisticamente è impegnativo)?

 

 sindrome da ansia per la fine  delle vacanzeLe vacanze, anche quando non ci portano troppo lontano, determinano sempre un’interruzione della routine, comunemente si dice che consentano di “staccare la spina” ovvero di allentare la tensione, smaltire i pensieri stressanti e liberare la mente e l’anima dalle energie negative.

In altre parole le vacanze consentono, per il solo fatto di allontanare il soggetto dalla sua quotidianità, di ridurre i livelli di stress e ansia.

Ritornare alle proprie responsabilità ingenera una normale tensione negativa che facilmente si può tradurre in tensione fisica ed emotiva.

Si stima che un italiano su dieci soffra di stress da rientro.

Lo stress da rientro altro non è che il risultato di una estrema tensione negativa che accompagna la fine delle vacanze. sindrome da ansia per la fine  delle vacanze

Tale stress si manifesta con peculiari sintomi fisici e psicologici quali mal di testa, sonnolenza, vertigini, stanchezza, spossatezza, difficoltà di concentrazione, irritabilità, disturbi del sonno e piccoli vuoti di memoria.

Più lunga e rilassante è la vacanza maggiore è il rischio di stressarsi una volta concluse le ferie quando cioè ritornare alla normalità è un dovere stringente.

Dopo un periodo di ferie è sempre faticoso riprendere a lavorare ed è difficile ritornare a sostenere i ritmi quotidiani.

In realtà il lavoro, gli impegni, gli appuntamenti e la tensione dell’orologio che detta le regole di un tempo che non basta mai sono “convenzioni  sociali” indispensabili ma stringenti e capaci di limitare la libertà umana. Del resto non è un caso che la vita frenetica tendenzialmente determini affaticamento e nervosismo.

Stress da Rientro dalle Vacanze

È possibile arginare (se non addirittura evitare) lo stress da rientro?

 

Sebbene ogni individuo sia diverso dall’altro e sebbene la calma non si venda in pillole, è possibile adottare delle precauzioni contro l’ansia da ritorna dalle vacanze.

Ecco 10 rimedi pratici anti stress da rientro:

1- Se si rientra da un viaggio sarebbe gradevole ritornare in una casa accogliente o quantomeno non calda, con l’aria non viziata, non polverosa e il meno disordinata possibile.

Perciò se puoi domanda a qualcuno (un vicino, un amico o un parente) di aprire per te la casa qualche ora prima del tuo rientro, anche solo per arieggiare l’ambiente.

2- Non tuffarti subito nella sistemazione compulsiva delle valige e degli armadi, gli interminabili “giri” di lavatrice al suono della centrifuga possono attendere e possono aspettare anche i turni non stop al ferro da stiro.

Prima di rientrare seleziona i capi che ti occorreranno per primi e mettili da parte insieme alla biancheria di cui non puoi fare a meno. Una volta a casa lava e apparecchia prima le cose di cui hai necessariamente bisogno procrastinando il bucato restante in modo da smaltirlo nei giorni successivi al rientro … non lasciarti sopraffare dall’ansia di nascondere le valige vuote nell’armadio.

3- Riempi il frigorifero e la dispensa in modo da soddisfare le esigenze familiari e personali per più giorni.

Portando a casa una grande scorta alimentare, per qualche giorno eviterai l’impiccio della spesa quotidiana.

Creati una personale camera di decompressione. La camera di decompressione è per gli astronauti che rientrano dai viaggi nello spazio un luogo fisico in cui sostano per riadattarsi all’atmosfera terrestre ed alla gravità. Come gli astronauti anche i vacanzieri di ritorno dalle ferie necessitano di uno spazio di “rieducazione fisica e mentale” alla  cosiddetta vita normale.

4- In considerazione di ciò, non rientrate in città immediatamente  prima della ripresa lavorativa.

Programma il rientro a casa un paio di giorni prima della data stabilita per il ritorno al duro lavoro. Quei due giorni ti consentiranno di riprendere meno traumaticamente il contatto con il tuo quotidiano.

5- Abbi cura del tuo sonno. Dormire bene aiuta a vivere bene perché durante il riposo notturno l’organismo si rigenera e si prepara ad affrontare con forza le battaglie quotidiane. Perciò, una volta tornati a casa, la prima abitudine “comune” da ripristinare è quella di andare a letto presto.

6-Non puntare la prima sveglia post vacanza alle 6:00 del primo giorno di lavoro, magari dopo molte giornate di lunghe dormite mai interrotte dal suono dell’allarme che obbliga al risveglio.

Nei due o tre giorni che precedono il rientro dalle ferie organizza qualche risveglio controllato ovvero riabitua il tuo orecchio ed il tuo organismo allo choc della sveglia! Punta le prime sveglie alle 8:00, poi alle 7:00 e preparati così alla fatidica “chiamata alle armi” delle 6:00 del mattino.

7- Qualche giorno prima del rientro a casa incomincia a stilare una lista degli impegni importanti e delle incombenze inderogabili, dai un ordine di priorità ai tuoi carichi e quindi organizza un buon piano d’azione per i primi giorni in città.

8- Durante i primi giorni di lavoro evita di combattere contro “i mali del mondo” … in parole povere evita le questioni troppo spinose, accantona per un attimo le pratiche difficili e sorridi ai colleghi che detesti evitando di incrociarli anche nella pausa caffè.

Incominciare il lavoro senza scontri e gradatamente aiuta la serena ripresa della vita quotidiana.

9- Fai una pausa in più! Le giornate lavorative possono essere molto lunghe, assai faticose e oltremodo snervanti, concediti, ove possibile, una pausa aggiuntiva che può essere una seduta dall’estetista, una passeggiata per negozi, un caffè con un’amica, un cinema, una pizza o la lettura di qualche pagina di un libro incominciato durante le ferie.

Ricorda che è importante allentare la tensione di tanto in tanto, farlo aiuta a mantenere la calma e consente di sopportare meglio ogni fatica.

10- Concediti qualche eccezione alimentare.

Mangia bene, adotta una dieta sana, leggera e ricca di fibre, ma non dimenticare l’importanza del piacere e di tanto in tanto concediti un cioccolatino, un gelato o un alimento di cui sei particolarmente golosa e che ti da gioia.

Se hai intenzione di dimagrire, rimanda la dieta di qualche settimana. La dieta è un sacrificio e comporta delle evidenti restrizioni per cui procrastina la tua decisione di perdere peso a quando avrai ristabilito completamente la routine quotidiana.


comment closed