Ferragosto: 10 Regole per un Pic-nic Ecologico

Inserito in Ecologia e ambiente, In evidenza, Mondo Donna | Scritto martedì, 13 agosto 2013 | Autore Licia Falduzzi | 2 Commenti

Il decalogo per un pic-nic all’insegna dell’eco-compatibilità

Ferragosto

Si avvicina Ferragosto, la festa estiva per antonomasia, e sono tanti i modi per festeggiare questa giornata.

C’è chi andrà al mare, chi in montagna, chi in campagna, chi deciderà di pranzare al ristorante o in agriturismo… oppure c’è chi organizzerà l’intramontabile pic-nic: un pranzo all’aria aperta, in compagnia di amici e parenti e a contatto con la natura.

In qualunque modo decidiate di festeggiare il vostro Ferragosto, ricordatevi comunque di farlo stando attenti all’ambiente.

Per chi opterà per il pranzo all’aria aperta ecco il decalogo per un pic-nic ecosostenibile.

1. Se possibile, scegliete il luogo del vostro picnic vicino casa in modo da poterlo raggiungere con i mezzi pubblici o in bicicletta o addirittura a piedi. Risparmierete benzina e l’ambiente ve ne sarà grato.

2. Optate per una area attrezzata e, se il vostro menu prevede un barbecue, condividete il braciere con altre persone, evitando di accendere il fuoco inutilmente. Prima di lasciare l’area attrezzata, accertatevi che il fuoco sia completamente spento; in caso contrario coprite la brace con un po’ di terra.

3. Evitate piatti, bicchieri e posate usa e getta (di plastica). Se proprio non potete farne a meno, scegliete quelli in plastica biodegradabile, che mettono meno tempo ad essere smaltiti. Acquistate le stoviglie monouso con la margherita europea (Ecolabel), il marchio di certificazione ambientale concesso ai prodotti che nel loro ciclo di vita producono un minor impatto ambientale. Sono realizzate in Mater Bi, PLA e in altri materiali di origine vegetale, biodegradabili e compostabili. Si smaltiscono con i rifiuti organici (il cosiddetto “umido”).

4. Utilizzate tovaglie e tovaglioli di stoffa o, meglio ancora, di carta riciclata (risparmierete così anche l’utilizzo di detersivi), con il marchio Ecolabel oppure con la certificazione FSC (Forest Stewardship Council), il sistema di certificazione internazionale che garantisce che la materia prima usata per realizzare un prodotto in legno o carta proviene da foreste dove sono rispettati dei rigorosi standard ambientali, sociali ed economici. Da evitare le tovaglie di plastica.

5. Scegliete un menu sostenibile: acquistate prodotti alimentari biologici e stagionali (dalla frutta alla carne, dalla verdura al vino), a km 0 o comunque a filiera corta; oppure prodotti che provengono dal commercio equo-solidale (cioè prodotti dalle popolazioni del Sud del mondo cui vengono riconosciuti un accesso diretto e sostenibile al mercato, un “giusto” prezzo per i loro bisogni ed il loro sviluppo, relazioni a lungo termine tra il produttore e l’importatore e il rispetto dei diritti umani). Acquistate prodotti senza troppi involucri, meglio se sfusi e trasportati in contenitori lavabili e all’interno di sporte e borse non di plastica. Vietati i cibi industriali e confezionati, solo cibi preparati in casa e con ingredienti naturali.

6. Portate con voi i rifiuti che avete prodotto durante il vostro picnic e divideteli per la raccolta differenziata, facendo diversi sacchetti.

7. Rispettate le regole imposte dagli enti che gestiscono le aree adibite a picnic.

8. Sul luogo del picnic, non accendete falò, che potrebbero essere pericolosi, e non disturbate la quiete dell’ambiente con schiamazzi, fumi di barbecue e musica troppo alta.

9. Rispettate la flora e la fauna locali e non danneggiate l’ambiente raccogliendo o estirpando fiori o piante spontanee.

10. Non buttate sui prati i mozziconi di sigaretta o i fiammiferi accesi; assicuratevi che la marmitta dell’automobile non entri a contatto con erba secca che potrebbe prendere fuoco facilmente e causare un incendio.

 

Buon pic-nic di Ferragosto a tutti!


comment closed