Cibi afrodisiaci, quali sono

Inserito in Coppia, Sesso | Scritto mercoledì, 02 gennaio 2013 | Autore Maria Corbisiero | 2 Commenti

Cibi afrodisiaci, quali sono le spezie e le piante afrodisiache

Si è sentito spesso parlare di cibi afrodisiaci, alimenti che, secondo alcune credenze, aumenterebbero il desiderio fisico.

Luoghi comuni, miti da sfatare o grandi verità?

Resta il fatto che il connubio tra cibo e attività sensuale è sempre esistito, che esso venga considerato come un semplice “oggetto” per creare piacere, utilizzato per i più svariati giochi erotici, oppure che venga associato alla stimolazione del piacere stesso.

La prima ipotesi è facilmente collegabile ad una delle scene cult del film che ha reso celebre l’attrice Kim Basinger, “9 settimane e ½”, la pellicola erotica diretta da Adrian Lyne negli anni ’80, la seconda si ricollega ai succitati cibi afrodisiaci.

 Ma quali sono realmente?

Vi sono diverse scuole di pensiero in merito a questi alimenti, secondo i quali le spezie e alcune erbe sarebbero tra i più probabili “stimolatori” naturali.

Tra questi vengono citati il prezzemolo, il peperoncino, la melissa e il basilico, piante che hanno la capacità di migliorare la circolazione sanguigna.

sesso: cibi afrodisiaci

In particolar modo la capsaicina, sostanza chimica contenuta nel peperoncino, è nota come stimolatore delle terminazioni nervose mentre si ritiene che il basilico riesca ad aumentare la fertilità e a stimolare il desiderio.

Vi sono poi l’aglio e la cipolla il cui particolare odore viene spesso paragonato a quello sprigionato dai corpi impegnati nell’attività intima.

sesso: cibi afrodisiaci

Anche la vaniglia esercita il suo “potere afrodisiaco” attraverso il gradevole odore che emana; infatti si afferma che la sua dolce e leggera fragranza agisca direttamente sul sistema nervoso, donando, a chi se ne inebria, una sensazione di rilassamento, aiutando così a combattere la “resistenza” erotica.

Lo zafferano invece aiuterebbe la funzionalità erettile, aumentando così il senso di soddisfazione durante il rapporto sessuale: insomma un vero e proprio viagra naturale.

Il coriandolo e la salvia invece sono considerati cibi afrodisiaci femminili in quanto stimolerebbero la libido della donna. Il primo si ritiene abbia un effetto euforizzante mentre il secondo aiuterebbe le donne troppo sensibili a regolare la loro attività di contrazione muscolare durante il rapporto, fungerebbe quindi da antispastico.

Infine, sempre considerando le spezie, la noce moscata, secondo antiche credenze cinesi, sarebbe in grado di risvegliare la libido assopita, aumentando così il desiderio sessuale. Attenzione a non abusarne però perché, se consumato in dosi eccessive, può sortire un effetto allucinogeno.

Ovviamente il consumo delle succitate spezie o erbe non può di certo sopperire alla mancanza di eros, la “scintilla” che accende la fiamma della passione, in mancanza della quale non può aver luogo alcun atto intimo consenziente e condiviso.

 

 

 

 


comment closed